Unipolsai, l’utile cala del 55% ma batte le attese

Unipolsai ha chiuso il primo trimestre con un utile netto consolidato di 140 milioni di euro, in calo del 54,8% rispetto ai 310 milioni di euro dei primi tre mesi del 2015 외부이미지 다운로드. Il risultato consolidato ante imposte del comparto assicurativo, è sceso a 206 milioni di euro (contro i 480 milioni del primo trimestre dello scorso esercizio 국민체조 mp4.

Tuttavia il risultato netto è risultato migliore delle previsioni. Banca Imi aveva stimato un utile di 130 milioni, Equita di 132 milioni, Banca Akros di 121 milioni Securecrt 6 download.

In netto calo il contributo del comparto Danni, sceso da 342 milioni di euro a 112 milioni, in discesa anche quello del settore Vita, passato da 138 milioni a 95 milioni di euro 고전 게임. La raccolta assicurativa diretta a fine marzo era pari a 3,72 miliardi di euro, in linea con il corrispondente periodo del 2015. Nel settore Danni, la raccolta diretta al 31 marzo si attestava a 1,77 miliardi (-1,2%), nel Vita era stabile a 1,94 miliardi 셜록 시즌4 3화 다운로드.

Il margine di solvibilità individuale Solvency II è pari al 198%, quello consolidato al 176% (Banca Akros aveva previsto il 175%). Il Combined ratio scende dal 97,5% al 96%, sopra le previsioni di Equita (95,7%) 쿠키런 크리스탈 버그 다운로드.

Unipolsai ha approvato il Piano strategico 2016-2018 che prevede il raggiungimento di utili netti cumulati complessivi tra 1,4 e 1,6 miliardi di euro, una distribuzione di cedole per circa un miliardo e Solvency II ratio consolidato compreso tra 150% e 200% 다운로드. Il piano mira a una raccolta premi nel settore Danni da lavoro diretto pari a 7,5 miliardi di euro nel 2018 (+0,8% medio annuo rispetto ai 7,3 miliardi del 2015), di cui il 57% dovrebbe arrivare dal settore Auto e il 43% dal Non Auto 다운로드.

La raccolta del ramo Vita è invece attesa a 5,7 miliardi di euro 아크로벳 9 다운로드. Il combined ratio medio nel triennio, al netto delle riassicurazione, è visto al 96%. Nel comparto Auto la compagnia bolognese mira a incrementare il portafoglio di 400.000 nuovi clienti entro il 2018, anche attraverso l’ampliamento dei servizi di riparazione (Auto Presto&Bene, MyGlass) e assistenza 가톨릭 성서. Inoltre intende estendere al comparto Non Auto (in particolare casa, commercio, Pmi) il know how nella telematica e nei servizi assicurativi, con un obiettivo di crescita della raccolta dell’8% sui segmenti Retail e Pmi al 2018.

L’offerta nel comparto Vita prevede invece l’integrazione con servizi di protezione ed assistenza, con una revisione del mix di portafoglio (portando a circa il 30% il peso del Ramo III sul totale della raccolta) e un focus sulla redditività per ridurre al 2018 i rendimenti minimi garantiti medi di circa 30 punti base.

Le linee guida nel settore immobiliare prevedono la valorizzazione dell’incidenza del portafoglio real estate, previsto a 4,3 miliardi di euro nel 2018 sul totale attivi del gruppo. Nel business della riassicurazione, l’obiettivo è la crescita nei mercati esteri attraverso UnipolRe, società sede a Dublino, per portare la raccolta premi dai 39 milioni di euro del 2015 a 300 milioni nel 2018. Nel triennio sono previsti investimenti per 150 milioni di euro nell’information technology. Serviranno a migliorare la qualità dei servizi e a rendere più efficienti i costi.

Via Milano Finanza

Categorie News

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.