Truffa nel bresciano: polizze assicurative false per un valore di 600mila euro

Vendevano polizze assicurative false a privati che partecipavano agli appalti pubblici e che chiedevano le autorizzazioni ambientali per gestire il ciclo dei rifiuti 다운로드.

I clienti venivano convinti dai costi, più bassi della concorrenza, e dalla perfetta riproduzione di loghi, contratti e ragioni sociali delle società di assicurazione vere e proprie 다운로드. Alla polizza assicurata, però, non corrispondeva in realtà nessun rapporto: erano tutte false e in realtà i clienti pagavano per coprire rischi in realtà non assicurati 포켓몬 에메랄드 다운로드.

La Guardia di Finanza di Brescia, unitamente a un gruppo della Polizia Giudiziaria della Procura, ha smantellato lo schema con l’operazione «Garanzia» scoprendo un giro di polizze false da oltre mezzo miliardo di euro 다운로드.

Nel corso dell’operazione sono stati arrestati i due promotori del gruppo criminale e sequestrati beni per 640mila euro. Undici le persone denunciate 제주고딕 폰트 다운로드.

Lo schema

L’associazione criminale operava tra l’Italia e il Regno Unito vendendo polizze fideiussorie «tossiche», ovvero false, perchè non rispondevano a un reale rapporto ma erano invece create a arte per trarre in inganno i contraenti 다운로드. Le fideiussioni erano necessarie per perfezionare gli adempimenti in materia di appalti pubblici e nel settore della gestione rifiuti. La fideiussione è invece condizione necessaria per il rilascio dell’Aia (autorizzazione integrata ambientale) 다운로드.

Nell’arco di un anno, la banda ha emesso polizze fittizie nei confronti di 30 ignari contraenti privati per un ammontare fittiziamente garantito di 550 milioni di euro (di cui 178 per la tutela ambientale) 다운로드. La condotta criminale ha comportato gravi ripercussioni sui contraenti privati (che hanno pagato per coprire rischi in realtà non assicurati), sulle reali società assicurative (spazzate via dai costi altamente concorrenziali e «clonate») e, in ultimo, sugli enti pubblici, che come formali beneficiari delle polizze, non avrebbero visto riconosciuto il premio in caso di sinistro 다운로드.

Due in manette, undici denunciati

Complessivamente sono 11 i soggetti denunciati a vario titolo per i reati di associazione a delinquere, truffa, illecita intermediazione assicurativa con l’aggravante della transnazionalità bilibili mp3 다운로드.

In carcere un rumeno e un cittadino italiano residente a Latina, a carico di entrambi e di un terzo soggetto pugliese è stato disposto il sequestro dei beni e delle disponibilità rinvenute per 640mila euro.

Via corriere della sera

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.