Truffa da mezzo milione di euro. Denunciato un imprenditore campano

I carabinieri della Compagnia di Agnone hanno denunciato un imprenditore 50enne di Cardino (provincia di Napoli), accusato di aver attestato false residenze anagrafiche in Provincia di Isernia, allo scopo di pagare tariffe assicurative nettamente minori rispetto a quelle campane.

Al momento si contano cinquanta autovetture assicurate tramite l’azienda intestata all’imprenditore, una truffa che supererebbe il mezzo milione di euro. Ma non è una novità.

Questa operazione prende corpo da altre indagini effettuate qualche tempo fa dagli stessi carabinieri. Infatti, già a novembre, il corpo militare appena citato sgominò un’ organizzazione composta da tre persone, tutte originarie del napoletano che, dopo aver ottenuto una residenza fittizia, stipulavano contratti con diverse compagnie per la copertura assicurativa di ben sessanta autovetture a loro intestate ma in uso ad altre persone, le quali pagavano a loro volta una percentuale ai componenti dell’organizzazione, ottenendo comunque il vantaggio di pagare tariffe molto più vantaggiose rispetto a quelle che avrebbero dovuto pagare nei luoghi di origine.

Gli indagati, tutti originari di Caserta e Napoli, secondo la procura, agivano nel seguente modo: registravano la loro residenza anagrafica nei comuni della provincia di Isernia, per assicurare le auto con tariffe agevolate. La maggior parte istituivano anche le sedi della aziende lì, possedendo un totale di circa sessanta autovetture. Altri ottanta veicoli risultavano singolarmente intestati alle persone coinvolte nelle indagini, ed in alcuni casi alla stessa persona risultavano intestati anche più veicoli.

L’indagine ha visto la svolta il mese scorso quando, presso numerosi comuni della provincia sono stati acquisiti documenti di interesse investigativo, ascoltate persone informate sui fatti e condotte altre attività di indagine che hanno portato alla scoperta di ben cinquantacinque residenze fantasma.

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better