Taranto: truffa a 18 compagnie assicurative. 144 persone denunciate ed un bottino di circa 500mila euro

Sono 144 le persone denunciate dalla polizia stradale di Taranto e accusate di aver truffato 18 compagnie assicurative con una serie di incidenti falsi 다운로드. danneggiando volontariamente beni o testimoniando il falso. L’attività illegale avrebbe permesso all’organizzazione di incassare circa 500mila euro 맨투맨.

La Squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Taranto, diretta dal Vice Questore Aggiunto dott. Nicola MANZARI, nell’ambito di specifica attività investigativa coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica Dott.Lanfranco MARAZIA, della Procura della Repubblica di Taranto, ha proceduto a deferire a vario titolo 144 soggetti in concorso tra loro, per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa (8 soggetti) ai danni di 18 compagnie assicurative (Sara Assicurazioni, la Donau, Allianz, National Suisse, Axa Assicurazioni, Unipol-Sai, Novit, Aviva, Cattolica, Fata, Helvetia, Assimoco, Generali, Groupama, Cattolica, LLOYD Adriatico, Intesa San Paolo, Toro Assicurazioni, Alleanza Toro), nonchè di truffa, fraudolento danneggiamento di beni assicurati e falsa testimonianza 클론전쟁 다운로드.

L’indagine, denominata “Creta”, in riferimento al luogo (Grottaglie) dove sedeva l’associazione a delinquere e dove venivano denunciati il maggior numero di sinistri stradali falsi, traeva origine dalla querela presentata dalla compagnia assicurativa SARA, riguardante 6 sinistri stradali, che vedevano coinvolta sempre la stessa vettura nell’arco temporale di soli due mesi e nei quali il dispostivo Movi Truk, installato dalla compagnia sulla vettura, segnalava delle discrasie riguardanti eventi crash e relative posizioni satellitari, rispetto a quanto denunciato dagli assicurati 다운로드.

La presunta organizzazione, nella quale sono coinvolti anche quattro avvocati, operava a Grottaglie, dove è stato denunciato il maggior numero di sinistri falsi 다운로드.

Ora i suoi componenti sono accusati di truffa, fraudolento danneggiamento di beni assicurati e falsa testimonianza 올리 디버거 다운로드.

L’analisi della documentazione prodotta dalla compagnia assicurativa ha evidenziato altri 61 casi simili, denunciati come accaduti nel comune di Grottaglie o in paesi limitrofi fra tre veicoli: un iniziale tamponamento tra due auto che culminava con una successiva collisione tra il veicolo tamponato e una terza vettura, il tutto finalizzato a ottenere un duplice indennizzo 겨울왕국 노래.

In tutti i falsi incidenti non veniva mai richiesto l’intervento delle forze dell’ordine e venivano denunciati esclusivamente danni materiali 다운로드. L’obiettivo infatti era ottenere un rapido risarcimento con la procedura prevista in regime d’indennizzo diretto.

Secondo l’accusa le auto venivano acquistate dai componenti della banda, proprio con lo scopo di compiere una serie di falsi incidenti stradali, senza mai procedere alla registrazione dei relativi atti di vendita 뉴 에이지.

Questo affinché il veicolo non fosse riconducibile a loro e per dissimulare l’effettiva responsabilità, così da evitare i controlli da parte degli uffici antifrode delle compagnie di assicurazione 임마누엘 성경 다운로드.

L’indagine è stata caratterizzata in un primo momento delle basilari tecniche investigative e comparative e successivamente da operazioni tecniche di intercettazioni telefoniche durante l’arco di oltre quattro mesi.

Tra i promotori dell’organizzazione c’era un avvocato che metteva a disposizione dell’organizzazione le proprie competenze tecniche giuridiche. L’attività investigativa ha poi evidenziato profili di responsabilità anche nei confronti di altri tre legali. Uno di loro era impiegato in una compagnia assicurativa.

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.