Sempre più digitale nelle assicurazioni

La digitalizzazione è entrata a pieno titolo a far parte dei nuovi modelli del settore assicurativo. A confermarlo è anche l’ultima indagine effettuata da AXA Italia, dal titolo Gli Italiani, il labirinto dei dati e il ruolo del settore assicurativo, che evidenzia come la rivoluzione digitale permetta di costruire un’interazione più forte con gli assicurati e di comprendere meglio i suoi rischi 스마트폰 막아놓은 동영상 다운로드.

Attualmente infatti le compagnie sperimentano l’utilizzo dei Big Data, uno strumento utile per individuare sia i bisogni dei clienti che le coperture di protezione più adatte gatan. Si conferma in grande crescita lo sviluppo dell’insurtech, ovvero la capacità delle imprese di innovarsi grazie all’uso di nuove tecnologie. Gli investimenti in questo comparto sono saliti nei primi nove mesi del 2016 a 2,6 miliardi di dollari contro gli 0,8 miliardi del 2014 아파트 벨소리 다운로드.

La tecnologia abbinata alle assicurazioni dà maggiori garanzie ai clienti: la ricerca evidenzia che il 68% degli italiani si dichiara infatti disponibile a una polizza integrata da device tecnologici 다운로드. Inoltre il 75% degli utenti si sente più sicuro se possiede un dispositivo medico per contattare un operatore o una persona di fiducia in caso di necessità, mentre il 74,2% preferisce stipulare una RC Auto che prevede l’installazione sul mezzo della scatola nera 다운로드. Secondo l’Osservatorio Connected Insurance (promosso da ANIA e Bain) l’Italia annovera il 50% del mercato delle black box e degli apparecchi connessi negli autoveicoli a livello mondiale 고음질 음악.

Nei prossimi 4 anni la quota di assicurazioni auto digitali emesse sul territorio nazionale potrebbe raggiungere il 27%, portando la raccolta premi a 3,5 miliardi di euro 카카오 스토리 pc 버전 다운로드. Il dato emerge da uno studio eseguito da Deloitte intervistando circa 15.000 clienti residenti, oltre che in Italia, in Austria, Belgio, Francia, Germania, Irlanda, Polonia, Olanda, Spagna, Svizzera e Regno Unito 다운로드.

Il continuo progresso tecnologico richiede un ulteriore passo in avanti alle compagnie 윈도우 라이브 무비 메이커 다운로드. La rivoluzione digitale porterà gli assicuratori ad esercitare una funzione sociale di guida, a garanzia dell’eccellenza nell’erogazione dei servizi 찬송가 반주 mp3 다운로드. Dunque la loro funzione non sarà più quella tradizionale, che informa semplicemente i clienti sui rischi che corrono, ma avranno il compito di orientare le abitudini e i comportamenti degli assicurati verso stili di vita migliori.

Il primo step di digitalizzazione nel mondo assicurativo è stato il cambiamento delle abitudini di acquisto dei consumatori: basti pensare alla ricerca della polizza direttamente online grazie alle modifiche impresse al mercato dai cosiddetti comparatori.

A tal proposito ricordiamo che la ricerca della convenienza passa sempre da Segugio.it, il portale che permette di trovare le assicurazioni più economiche. Ipotizzando di stipulare una copertura per una Mini 1.5 Cooper D (acquistata nel 2017 da un 36enne di Pisa che usufruisce della prima classe di merito grazie alla Legge Bersani, percorrenza media di 20.000 chilometri), si scopre che la polizza più vantaggiosa è quella di Conte.it che offre una copertura con formula di guida esclusiva a 432,60 euro. La compagnia copre anche i danni causati a terzi da incendio, esplosione o scoppio del veicolo entro il limite massimo di 250.000 euro per annualità assicurativa (esclusi i danni dovuti a dolo o colpa grave).

A seguire troviamo Genialloyd che propone un prezzo annuo di 538 euro e un massimale che si attesta a 6 milioni di euro per i danni alle cose e per quelli alle persone. La formula di guida è in questo caso esperta, con il veicolo che sarà sempre guidabile dal proprietario e da tutti i maggiori di 23 anni (purché patentati da più di 24 mesi). L’assicurazione copre la responsabilità civile per i danni causati a terzi sia dal traino di eventuali rimorchi, che durante la circolazione in aree private (non aperte al pubblico).

Via Segugio.it

Iscriviti al nostro gruppo facebook

Categorie Assicurazioni,News,Tecnologia

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.