Scatola nera: è sempre più apprezzata da chi assicura l’auto

Continua a diffondersi in Italia l’utilizzo della scatola nera (o black box), il dispositivo che registra lo stile di guida dell’automobilista in cambio di sconti sulle tariffe RC Auto.

Negli ultimi sei anni sono quasi raddoppiati i contratti assicurativi che la prevedono: esaminando i dati dell’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni), si nota che la sua diffusione in Italia è passata dall’11% del IV trimestre del 2013 al 21,5% del II trimestre di quest’anno, con un’accelerazione nel periodo 2018-2019 che ha sfiorato l’1,5%.

Il tasso di penetrazione della black box è eterogeneo. Il congegno è particolarmente richiesto al sud Italia, con valori superiori al 50 per cento a Napoli e Caserta, mentre è sui livelli minimi nel nord-est, con Bolzano, Belluno, Gorizia e Udine che fanno segnare una percentuale di contratti telematici inferiore al 7,5 per cento.

Come funziona la black box

La scatola nera è un dispositivo elettronico dotato di localizzatore GPS (Global Positioning System) capace di registrare una serie di informazioni riguardanti gli spostamenti del mezzo su cui è installato e la condotta del conducente. In caso di sinistro, la black box rende possibile la ricostruzione della dinamica dell’incidente, consentendo alla società assicurativa di tutelarsi da eventuali frodi e inganni nell’ambito della definizione del sinistro.

Non solo tariffe più economiche

La ricostruzione della dinamica dell’incidente consente alla compagnia di tagliare la tariffa RC Auto proposta all’assicurato fino al 20-25%. I vantaggi per il cliente riguardano anche la possibilità di localizzare l’automobile in caso di furto, di ottenere assistenza in caso di guasto e di avere agevolazioni sulle polizze accessorie da abbinare alla responsabilità civile di base.

I limiti sul monitoraggio degli assicurati

Il conducente viene tutelato dalla normativa introdotta nel 2012 dal Garante della Privacy, che ha ritenuto necessario porre dei vincoli a carico delle compagnie. Quest’ultime potranno infatti trattare i dati personali dei soggetti identificati esclusivamente in caso di avvenuto sinistro o in occasione delle scadenze contrattuali.

Black box e Ddl concorrenza

Sarebbero dovuti partire il 10 luglio del 2018 gli sconti obbligatori sulle tariffe RC Auto previsti dal Disegno di legge, che pone l’installazione della scatola nera come uno dei requisiti fondamentali affinché si possano applicare i bonus. Tuttavia, l’imposizione dei tagli è ancora lontana a causa della mancanza del decreto attuativo, che secondo il Ministero competente è fermo in pubblica consultazione per alcune criticità. Per ottenere gli sconti sarà anche necessario far eseguire una ispezione preventiva del veicolo e montare un congegno (come l’alcolock) che impedisce l’avvio del motore in caso di tasso alcolemico del guidatore superiore ai limiti di legge.

www.segugio.it

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better