Riforma pensioni 2016, non solo flessibilità in uscita: le altre misure

Non solo flessibilità in uscita: ecco le misure più urgenti della riforma pensioni 2016

 

Damiano ha ribadito che la riforma pensioni dovrà essere la priorità del governo per il 2016 ma ha anche ricordato che i lavori della Commissione non si fermeranno alla flessibilità in uscita. Allo studio ci sono infatti interventi specifici per alcune categorie professionali e per questioni cruciali in ambito previdenziale rimaste ad oggi irrisolte.

Il riferimento soprattutto alle ricongiunzioni onerose, ai lavoratori che svolgono attività usuranti e ai cd caregiver, ovvero a coloro che si occupano di familiari con disabilità.

Riforma pensioni 2016 e carriere discontinue: le ricongiunzioni onerose

La richiesta della Commissione in caso di carriere discontinue è il superamento delle ricongiunzioni onerose (legge 122/2010) e la liquidazione di un unico trattamento pensionistico il cui importo sia ottenuto dalla somma delle quote riferite ai versamenti effettuati in ogni singola gestione. Oggi il calcolo contributivo sulle pensioni ha rimpiazzato l’antico sistema dei cumuli a pagamento.

Lavori usuranti e care giver: riforma pensioni 2016

Resta aperta la questione dei lavoratori usurati e dei cd care giver, soprattutto donne. Valorizzare l’assistenza ai familiari risponde anche alle indicazioni della Commissione europea. Da ultimo Damiano fa riferimento anche alla questione dei lavoratori esodati e alla proroga opzione donna.

Categorie News

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better