OAM magazine

Online il primo numero della rivista targata OAM (Organismo Agenti e Mediatori)

Il primo numero di OAM magazine è disponibile qui

Di seguito un estratto dal primo numero

Una delle più immediate conseguenze della crisi che abbiamo vissuto e che in parte viviamo ancora è la progressiva riduzione di risorse economiche, umane e di tempo a disposizione di tutti, soprattutto di chi ne ha più bisogno. Dunque, a ben pensarci, una progressiva riduzione della qualità in senso lato, nei diversi aspetti della vita tanto professionale che personale. Ecco perché, come OAM, abbiamo deciso di ripartire proprio dal tema della qualità, per tutelare gli interessi di coloro che, anche a causa della crisi, accedono al mercato del credito.

Potrà sembrare strano, in un momento in cui tutti parlano di efficienza e di attenzione spasmodica alla quantità, soffermarsi su un concetto diverso. Eppure, a ben vedere, tanto strano non è. Prima di tutto, perché la legge che ha istituito l’OAM possiede un’anima orientata alla difesa dei consumatori attraverso un miglioramento della professionalità dei soggetti attivi sul mercato, vale a dire gli Agenti in attività finanziaria e i Mediatori Creditizi. In secondo luogo, perché la qualità è anche la qualità delle idee e dei fatti conseguenti che permettono agli Agenti e ai Mediatori appena menzionati di lavorare meglio con l’OAM e dunque sul mercato. Visto che un’altra delle conseguenze delle crisi, da sempre, è lo scetticismo, permettetemi di aggiungere che non ci limitiamo alle buone idee, o alle belle parole. Preferiamo che diventino rapidamente fatti. Eccone alcuni.
Da qualche settimana, il sito dell’OAM è stato ulteriormente migliorato, per offrire di più e meglio a chi lo utilizza. Ad esempio: è stata introdotta una nuova visibilità sugli iscritti non operativi ed è ora accessibile lo storico degli iscritti; vi è la possibilità di geolocalizzare sul territorio gli agenti e i mediatori iscritti all’OAM, dunque gli unici autorizzati ad operare; entro la fine del 2015 sarà possibile estrarre dagli elenchi i collaboratori degli intermediari.

La qualità è il principio essenziale che guida il lavoro dell’Ufficio di Vigilanza, sempre più attivo sul territorio nazionale, con l’obiettivo non già di ostacolare l’attività degli iscritti, ma di renderla sempre più chiara e vicina non solo ai dettami della norma, ma anche alle esigenze dei consumatori.
Parliamo sempre di qualità quando ci riferiamo ai cambiamenti del sistema informativo interno all’azienda, un progetto di business intellingence molto importante che renderà più agevole il flusso delle informazioni e ridurrà i costi delle risorse umane ed economiche impiegate, diventando in tal modo più efficace e più efficiente.
La qualità, e non poteva essere altrimenti, è al centro della nuova campagna di comunicazione dell’Organismo. I mezzi coinvolti sono la stampa, con uscite sul
quotidiano Il Sole 24 Ore e sulle testate della free- press Leggo e Metro, affiancata dalla radio, sui circuiti di Radio 24 e di Radio Italia, e accompagnata dal web con display advertising su siti e blog in target. Non mancheranno le occasioni di collaborazione editoriale con riviste e testate del mondo finanziario, che esploderanno il tema per tutto il 2015.

Che rapporto c’è tra la qualità e l’abusivismo? Pessimo. Non a caso, sia nel 2014 sia in questi primi mesi del 2015, la lotta al fenomeno che tuttora affligge il mercato del credito è stata condotta con vigore. Porteremo all’interno delle categorie professionali degli Agenti e dei Mediatori, che vengono da anni molto difficili e hanno spesso vissuto le regole più come un intralcio che come un supporto alla propria attività, maggiore sensibilità rispetto a questo tema e, con i componenti e gli amici dell’osservatorio per il contrasto all’esercizio abusivo dell’attività di intermediazione del credito, metteremo in atto nuove iniziative per stroncare questo fenomeno che con la qualità non ha proprio nulla a che fare, anzi la mina pericolosamente.

In ultimo, una manifestazione sia pure piccola della qualità come cosa concreta e viva è anche questa Newsletter, che nasce per dare notizie nuove o arricchirne di già note con punti di vista magari diversi ed offrire a chi è interessato al nostro mercato spunti di approfondimento, riflessioni e informazioni che possano aiutare a lavorare meglio con l’OAM o almeno a conoscerci meglio.

Categorie News,OAM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better