Nuove proposte per abbassare i costi della Rc Auto

Secondo gli esperti, però, potrebbero esserci risvolti negativi

Tentare di ridurre i costi per gli assicurati rappresenta un impegno che sta da sempre a cuore all’Ivass; proprio per questo recentemente è stata presentata la proposta di defiscalizzare i contratti e trasferire il prelievo sul consumo del carburante con benefici in diversi contesti 키즈 짱 동영상 다운로드. Ragionando in termini numerici stiamo parlando di un calo del premio medio del 18% con un aumento del prezzo del carburante al netto di una media del 4,5% 다운로드.

Non solo, proprio in questi giorni alla Camera è in discussione un nuovo disegno di legge che ha alla base la proposta di premiare gli automobilisti virtuosi che non sono stati coinvolti in sinistri 크롬 동시 다운로드. Si tratta di un provvedimento volto a correggere l’attuale normativa che prevede il pagamento del premio dell’Rc Auto sulla base della propria residenza e non su base meritocratica asp.net 게시판 파일 다운로드. Questa idea però non convince totalmente l’Ivass in quanto si registrerebbe un aumento dei costi.

Anche l’Ania è stata chiamata ad esprimere un suo parere, dichiarando che tali modifiche potrebbero arrivare a compromettere in maniera rilevante tutto il lavoro fatto fino ad oggi: la differenza tra il premio medio rilevato a livello europeo e quello medio del nostro paese si sta infatti via via colmando, passando dai 213 euro del periodo 2008-2012 ai 72 euro del 2018 다운로드. Il premio medio nel corso degli ultimi sette anni si è infatti ridotto del 28,6%. Accettare questa nuova proposta, secondo gli esperti, potrebbe portare a degli squilibri in questo sistema 게임메이커 스튜디오 2.

Ma non è tutto, secondo quanto riportato di recente in un articolo pubblicato su Milano Finanza ci potrebbe essere nell’aria l’intenzione di introdurre un’Rc auto base in grado di rendere più semplici i confronti tra offerte e con la possibilità per i clienti di recensire a fine anno il prodotto scelto 다운로드. Si tratta ad oggi solamente di una proposta, sarà necessario attendere ancora qualche tempo per vedere se si concretizzerà o meno la cosa.

www.assicurazione.it

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.