Mutui: si conferma vivace interesse per la prima casa

Tassi di interesse ai minimi storici, mercato immobiliare con prezzi allettanti e incertezza sui mercati finanziari e sull’evoluzione dell’economia del Paese: un mix che sta favorendo la costante crescita, tra i risparmiatori italiani, nell’investire nel ‘mattone’.

Nel primo semestre di quest’anno, secondo l’Osservatorio mutui di MutuiOnline.it, sono infatti sensibilmente cresciute le richieste di mutuo ipotecario fatte dagli italiani per l’acquisto della prima casa: salite al 53,6% del totale dal 43,2% registrato nell’intero 2018. Un livello che colloca questa voce sempre ai massimi dal 2013, anche se nelle rilevazioni trimestrali è stato avvertito un leggero assestamento del trend: al 51,6% nel trimestre per l’intero mese di giugno dal massimo storico del 55,4% segnato nei primi tre mesi dell’anno. Contestualmente nel periodo gennaio-giugno le richieste di surroga e di sostituzione sono complessivamente scivolate al 35,8% dal 46,8% registrato nell’intero 2018, anche se la ripresa registrata nel trimestre aprile-giugno (al 38,2% dal 33,7% di gennaio-marzo) ha contribuito a contenerne comunque la caduta.

Tasso fisso o tasso variabile?

Si conferma la larga preferenza per il tasso fisso, con le richieste nel secondo trimestre dell’anno salite all’83% del totale dall’80,8% dei primi tre mesi. Sempre vicina al 90% la quota sugli erogati, seppure in lieve assestamento all’87,9% dall’89,3% del primo trimestre. Contestualmente le richieste a tasso variabile sono scese al 15% (dal 17% di gennaio-marzo), mentre le relative erogazioni sono aumentate all’11% dal 9,6% del primo trimestre).

La durata più diffusa richiesta è sempre quella di 20 anni, anche se nel secondo trimestre si è assestata al 30,7% del totale dal 31,6% dei primi tre mesi. Diminuita anche la quota dei mutui nella fascia 30 anni (al 25,6% dal 26%), mentre è cresciuta – ai massimi dal quarto trimestre 2017 – (al 18,6% dal 17,7%) quella dei 25 anni. Al contempo è tornato a salire nel secondo trimestre l’importo medio, sia quello richiesto (a 131.280 euro dai 130.426 del primo trimestre) sia quello erogato, che proprio nel periodo aprile-giugno ha aggiornato il suo massimo storico (a 129.165 euro da 127.356). A livello di rilevazione annuale, le erogazioni si collocano ai massimi degli ultimi otto anni.

Il rapporto Ltv viaggia sui massimi storici

Nel trimestre aprile-giugno, la maggior concentrazione delle richieste di mutuo si è registrata ancora una volta nella fascia compresa tra 50mila e 100mila euro (35,1% dal 35,6% dei primi tre mesi). Stabili le altre fasce. È invece ancora in ascesa il rapporto tra importo richiesto del mutuo e il valore dell’immobile (Loan To Value), con la fascia dell’71-80% salita nel secondo trimestre di quest’anno al 39% dal 38,6% dei primi tre mesi, ovvero ai massimi storici. È una dinamica che trova conferma anche nel grafico dei mutui erogati per Ltv: al 32,4% dal 28,3%.
Per quanto riguarda l’età di chi richiede il mutuo ipotecario, la quota prevalente nel trimest

Categorie Mutui e prestiti,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better