Mutui: dall’ultima pubblicazione di Banca d’Italia è salito a 2,51% il tasso per acquistare casa

Ad agosto, i tassi di interesse sui prestiti erogati alle famiglie per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 2,51%, in crescita rispetto al 2,45% del mese precedente 다운로드.

E’ quanto emerge dalla pubblicazione di Banca d’Italia “Banche e moneta: serie nazionali” relativa ad agosto 2017

In agosto i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti dell’1,1 per cento su base annua (1,4 per cento in luglio) 다운로드.

I prestiti alle famiglie sono cresciuti del 2,7 per cento (come nel mese precedente), mentre quelli alle società non finanziarie sono diminuiti dello 0,1 per cento (erano cresciuti dello 0,3 per cento in luglio) 다운로드.

Nel dettaglio:

  • I depositi del settore privato sono aumentati del 4,8 per cento su base annua (3,5 per cento in luglio);
  • la raccolta obbligazionaria è diminuita del 14,7 per cento;
  • le sofferenze sono diminuite del 6,5 per cento su base annua (erano diminuite del 5,7 per cento nel mese precedente);
  • quando si corregge per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari le sofferenze risultano cresciute del 9,4 per cento (erano aumentate del 9,7 per cento nel mese precedente) 언프렌디드 친구삭제 다운로드.

I tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,51 per cento (2,45 nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all’8,65 per cento 다운로드.

I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono risultati pari all’1,60 per cento (1,55 in luglio); quelli sui nuovi prestiti di importo fino a 1 milione di euro sono stati pari al 2,15 per cento, quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’1,12 per cento 무한 도전 레전드 팩 다운로드. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono rimasti stabili allo 0,39 per cento.

Categorie Mutui e prestiti,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.