Mutui, prestiti e bollette: le rate non pagate in Puglia nel 2015 superano i 3 miliardi di euro

Le rate non pagate nell’anno 2015 hanno toccato un nuovo picco rispetto alle rilevazioni degli scorsi anni: in Puglia sfiorano i 3,2 miliardi euro e la media nazionale, non da meno, arriva ad una cifra che è pari quasi a 60 miliardi 다운로드.

Prese in esame rate di mutuo o di prestiti per l’acquisto di beni di consumo, bollette di luce, acqua e gas che devono tornare nelle casse di chi eroga il servizio, la fotografia scattata da Unirec, l’unione nazionale delle imprese di recupero crediti, per uno studio condotto dal Sole24ore, fornisce nuovi indizi su un Paese che a fatica cerca di risollevarsi dalla crisi 아이튠즈 구버전 다운로드.

Lievita anche la somma media da recuperare che si attesta, ad oggi, intorno ai 1.547 euro. I dati sono lo specchio della crisi e raccontano le difficoltà delle famiglie e delle imprese a onorare i propri debiti che invecchiano e, tra l’altro, diventano sempre meno esigibili 사립갱생고교 다운로드. Recuperare le somme, difatti, di anno in anno risulta sempre meno possibile. Restringendo il focus sul territorio, si nota che metà dei crediti affidati al recupero si è concentrato prevalentemente in Lombardia, Campania, Lazio e Sicilia 팝업캐시 다운로드.

Il primato assoluto spetta alla prima con quasi 6 milioni di pratiche al recupero che valgono oltre 9 miliardi di euro 백세인생 mp3. Per trovare la migliore performance di recupero, però, bisogna andare in Friuli Venezia Giulia e in Sicilia dove il 22% degli importi viene incassato 다운로드. La Puglia, come evidenziato, ha importi affidati al recupero per 3,2 miliardi di euro con un tasso di recupero pari al 15%, vale a dire all’ ottavo posto in scala nazionale di questa speciale classifica 고양이마리오2.

Le stime per il 2016 non sono incorraggianti, anche se rispetto all’anno precedente si attende un trend in leggero decremento. Il lavoro, in questo settore, non manca tanto che lo scorso anno gli adetti hanno raggiunto quota 20mila unità gamefront.

Via ilpaesenuovo.it

Categorie News

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.