Mutui asta: cosa sono e come ottenerli?

Nel corso dell’ultimo anno, l’offerta di immobili all’asta è aumentata del 20%, mentre la domanda è cresciuta del 29%. Questa scelta presenta diversi vantaggi, fra cui il risparmio, anche superiore al 20/25% rispetto alle quotazioni di mercato. Una opportunità riservata, sino al 2014, a chi aveva la liquidità sufficiente per saldare il debito ad aggiudicazione appena avvenuta.

A partire da quell’anno invece, essa può essere sfruttata anche da chi non dispone dell’intera somma, grazie all’introduzione dei mutui asta. Come? Rivolgendosi a una delle banche (quasi tutte) che hanno aderito all’accordo stipulato nel 2014 dall’Abi con i Tribunali italiani.

Poiché, come già detto, in caso di aggiudicazione, l’immobile deve essere saldato subito, una volta individuato il bene che si vorrebbe comprare, è consigliabile muoversi in anticipo rispetto alla data dell’asta, al fine di ottenere una pre-autorizzazione. Questo perché la banca, prima di erogare il mutuo casa, deve effettuare tutte le classiche verifiche del caso. Come: il grado di affidabilità del cliente, qual è la sua situazione reddituale, la possibile somma erogabile, mentre il mutuatario può valutare con calma le condizioni contrattuali. E, se l’esito della richiesta è positivo, il mutuo verrà concesso, sempre che il richiedente si aggiudichi effettivamente l’immobile. In caso di mancata aggiudicazione, il prestito non viene invece erogato.

I mutui asta, del tutto simili per caratteristiche a quelli tradizionali, anche in termini di tipologia di tasso o di durata del piano di rimborso, possono anche coprire il 100% del valore dell’immobile anziché l’usuale 80%. In che modo? O chiedendo un mutuo 100%, se si offrono solide garanzie, oppure perché al momento dell’aggiudicazione, dopo varie aste andate deserte, il prezzo è sceso fino a poterlo coprire con un mutuo inizialmente più basso rispetto alla base d’asta iniziale, purché entro l’80% del valore dell’immobile stabilito dal perito del Tribunale.

La cauzione richiesta per partecipare all’asta, normalmente il 10% del valore dell’immobile, viene detratta dal prezzo, in caso di aggiudicazione, e restituita se l’affare non va in porto. Ma se, dopo l’aggiudicazione non si procede all’acquisto, la cauzione viene persa.

Va ricordato, infine, che, se la casa acquistata è abitazione principale, è possibile usufruire di tutte le agevolazioni fiscali previste ed è soggetta a tutte le relative norme. Come ad esempio, la non rivendibilità della casa prima di cinque anni se non si acquista un’altra prima casa nel giro di un anno, pena la decadenza dei benefici.

Categorie Mutui e prestiti,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better