Mutui agevolati giovani coppie e famiglie: il Fondo di garanzia per la prima casa

In un contesto economico in profonda crisi economica ed occupazionale, diventa sempre più difficile per le famiglie italiane poter accedere al credito al consumo e poter sottoscrivere un contratto di mutuo per finanziare l’acquisto o la ristrutturazione di un immobile ad uso abitativo 다운로드.

Specie, per tutti coloro che sono giovani coppie e famiglie con un’età inferiore ai 35 anni e che sono assunti con contratti di lavoro precari, a collaborazione o a tempo determinato, l’acquistare e realizzare il sogno di mettere su casa è divenuto un miraggio quasi irrealizzabile in queste condizioni di mercato del lavoro 만능 영어사전. Un contesto assai critico ed allarmante che ha costretto le Autorità e le Istituzioni ad intervenire per “sostenere” la domanda dei mutui subprime che ha risentito di un calo nelle richieste, dinanzi ad un mercato immobiliare in profonda crisi stagnazione ed un’offerta commerciale da parte degli intermediari creditizi abbastanza evoluta e completa di prodotti customizzabili 구글 크롬 6. Un’offerta creditizia e commerciale che, spesso e volentieri, supera di gran lunga la domanda, piuttoso esigua di quanti potenzialmente hanno l’intenzione di accendere un mutuo ipotecario o non presentano la richiesta dal timore di vedersi la domanda rigettata, per mancanza di garanzie solide richieste da banche e società creditizie 다운로드. Dinanzi a questa “schizofrenia creditizia”, al fine di favorire l’accesso al credito da parte delle famiglie per l’acquisto e l’efficientamento energetico della casa di abitazione, la legge di Stabilità 2014 (legge 27 dicembre 2013, n 다운로드. 147, art. 1, comma 48, lett. c), ha istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze (MEF), il Fondo di garanzia per i mutui per la prima casa 다운로드.

MEF: Fondo di Garanzia per i mutui ipotecari

Al fine di favorire l’accesso al credito da parte delle famiglie per l’acquisto e l’efficientamento energetico della casa di abitazione, la legge di Stabilità 2014 è intervenuta istituendo presso il Ministero dell’economia e delle finanze, lo strumento del Fondo di garanzia per i mutui agevolati per l’acquisto della prima casa 갤럭시 넥서스 메시지. Grazie al Fondo di Garanzia per i mutui agevolati per le giovani coppie, è lo Stato ad offrire ai cittadini garanzie solide per l’accensione di mutui ipotecari per l’acquisto, per interventi di ristrutturazione e accrescimento di efficienza energetica di unità immobiliari da adibire ad abitazione principale prima casa 다운로드.

Il Fondo di Garanzia con una dotazione finanziaria di circa 650 milioni di euro (che può essere incrementata con contributi di Regioni e di altri enti pubblici) offre garanzie su finanziamenti ipotecari per un ammontare complessivo di circa 20 miliardi di euro e la garanzia prevede un tetto massimo di plafond del 50% della sola quota capitale (non della quota interessi) 이스 이터널2 다운로드.

Fondo di Garanzia per i mutui ipotecari: come farne richiesta

Il soggetto richiedente, alla data di presentazione della domanda di mutuo ipotecario a tasso agevolato, non deve essere proprietario di altri immobili ad uso abitativo eccetto quelli acquistati per successione mortis causa, anche in comunione con altri successori, eSe in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli 다운로드.

Secondo il dettato normativo contenute nel Decreto del Ministero dei lavori pubblici in data 2 agosto 1969, n. 1072. : “L’immobile ad uso abitativo deve essere sito nel territorio nazionale inoltre, non deve rientrare nelle categorie catastali A1 (abitazioni di tipo signorile), A8 (ville) e A9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici) e non deve avere le caratteristiche di lusso“.

Il mutuo ipotecario deve essere di importo non eccedenti a 250.000 euro, concesso dalla banca o intermediario finanziario che ha aderito all’iniziativa in base al Protocollo di intesa sottoscritto l’8 ottobre 2014 tra Ministero dell’economia e delle finanze e ABI: è previsto un tasso agevolato del finanziamento (tasso effettivo globale – TEG non superiore al tasso effettivo globale medio – TEGM (pubblicato trimestralmente sul sito del MEF per le seguenti categorie:

  • giovani coppie (dove almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni);
  • nuclei familiari monogenitoriali con figli minori;
  • giovani di età inferiore ai 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico;
  • conduttori di alloggi di proprietà degli IACP, comunque denominati.

La domanda di accesso al Fondo va presentata direttamente alla Banca o Intermediario finanziario aderente all’iniziativa cui si richiede il mutuo, utilizzando l’apposita modulistica per la richiesta di accesso al Fondo di garanzia per la prima casa.

Via finanzasulweb.it

Categorie Mutui e prestiti,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.