L’innovazione è green, ma è ancora troppo costosa

Secondo la ricerca condotta da ConTe.it per i guidatori italiani l’innovazione è green, ma ad oggi è ancora troppo costosa.

Se avessero un budget illimitato, i guidatori italiani metterebbero il rispetto dell’ambiente tra i primi criteri nella scelta dell’auto, mentre si mostrano meno interessati all’eleganza del veicolo e alle sue prestazioni sportive. Il limite, ad oggi, è il costo ancora troppo elevato della tecnologia green. È questa la fotografia che emerge dall’Osservatorio di ConTe.it, frutto dell’analisi condotta da Nextplora e ConTe.it, brand assicurativo italiano del Gruppo Admiral specializzato nella vendita online di polizze auto e moto.

La stragrande maggioranza degli intervistati (il 77%) dichiara di preferire l’acquisto di un’auto nuova con precise specifiche, rispetto all’usato (23%). Le caratteristiche principali che guidano nella scelta del veicolo sono il prezzo interessante (40%), l’adattabilità alle esigenze della famiglia (26%), la robustezza e il livello di sicurezza (24%). Il rispetto dell’ambiente figura tra i requisiti meno richiesti, raggiungendo solo il 7%, poco prima della scelta di auto di tendenza (5%) e che rappresentano uno status simbol (2%).
Eppure alla domanda “Se avessi un budget illimitato, cosa influirebbe maggiormente nella scelta della tua nuova auto?” il 29% sceglie l’alta tecnologia, il 28% la sicurezza e il 24% il fattore green, mentre rimangono in fondo alla classifica l’aspetto estetico e il prestigio del mezzo.

In effetti, secondo il parere dei guidatori italiani, i maggiori vantaggi che l’innovazione può portare alla mobilità sono: un livello di sicurezza più alto, per esempio con sistemi elettronici di assistenza alla guida come i rilevatori di stanchezza del conducente o il cruise control adattivo (41%); un risparmio economico derivante da un sistema intelligente di controllo dei consumi (19%) e un minor impatto ambientale (18%).
Lo svantaggio della tecnologia d’avanguardia riguarda però l’aumento dei costi legati all’acquisto del mezzo (32%) e alla sua manutenzione o riparazione in caso di guasto(23%).

Un altro dato interessante che emerge dalla ricerca è il differente comportamento di genere nella scelta del veicolo. Infatti, le donne sono più propense a chiedere il parere di un’altra persona prima di prendere una decisione in merito al modello (il 42%, contro il 26% degli uomini), agli optional (il 40% contro il 22% degli uomini), al budget di spesa (il 45% contro il 23% degli uomini) e alla polizza assicurativa (il 42% contro il 17% degli uomini).

Prima dell’acquisto gli italiani comunque svolgono approfondite ricerche per prendere una decisione. Il concessionario rappresenta di gran lunga la fonte più utilizzata (56%), insieme al sito internet delle case automobilistiche (36%). Comparatori online (21%) e le riviste di settore (20%) seguono a distanza.

Note metodologiche: Indagine quantitativa condotta da Nextplora a ottobre 2019 con metodologia CAWI su un campione di 1000 individui rappresentativi per genere, età e area geografica della popolazione italiana di 18+ anni e di individui di 18+ anni residenti nelle Province di Bologna, Milano, Palermo, Roma, Torino.

ConTe.it è il marchio italiano del Gruppo Admiral, assicurazione online leader nel ramo auto presente anche in Gran Bretagna, Spagna, Francia e Stati Uniti con oltre 6 milioni di clienti in tutto il mondo e uno staff globale che supera le 10 mila persone.

Nel 2018 ConTe.it ha raggiunto il traguardo dei suoi primi 10 anni in Italia. In questa prima decade la società si è contraddistinta per un’offerta di prodotti assicurativi auto e moto a un prezzo competitivo e per un servizio d’assistenza di qualità che ascolta e risponde in modo chiaro e concreto alle esigenze del cliente. Una strategia che ha portato ConTe.it a superare la soglia dei 600 mila clienti.
La società nel 2019 ha ottenuto per il terzo anno consecutivo il 3° posto nella speciale classifica dei Great Place to Work Italia nella categoria Large Companies, riservata alle aziende con oltre 500 dipendenti.

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.