Linear Assicurazioni mette la digitalizzazione al primo piano: il Bot su Messenger va alla grande

Attivo dall’8 febbraio il chatbot agganciato alla pagina Facebook di Linear Assicurazioni ad oggi detiene un primato in termini di successo digitale.

La compagnia assicurativa ha visto lungo ed ha puntato sui processi informatici che al momento stanno spopolando, grazie anche all’ esaustività e all’immediatezza dei servizi che offrono agli utenti del web.

Per chi non sapesse cos’è, il bot (abbreviazione di robot) è un programma autonomo che accede alla rete attraverso lo stesso tipo di canali utilizzati dagli utenti umani e che, nei social network, risponde in maniera automatica ed immediata alle domande dei fruitori. Questi “fantasmi digitali” migliorano di anno in anno ed è sempre più difficile distinguere un bot da una persona umana.

Tornando alla compagnia assicurativa, il bot viene attivato automaticamente attraverso le campagne di retargeting su Facebook.

L’utente ha solo il compito di inserire il numero di targa dell’automobile e la data di nascita del proprietario per ricevere istantaneamente il prezzo della polizza.

Cliccando sulla proposta economica, si viene reindirizzati al sito ufficiale, nella pagine di salvataggio ed acquisto della copertura assicurativa preventivata nella chat.

Federico Anastasia, responsabile Digital e Marketing operativo di Linear Assicurazioni, ha affermato:

«La campagna a target su Facebook ci permetterà un’analisi puntuale della sua efficacia in termini di ROI: come sempre, andremo a misurare i ritorni di questo nuovo mezzo verificando la sostenibilità dei costi di acquisizione e il gradimento dei clienti».

Continua Paolo Faranda, fondatore e presidente di Diginventa, sviluppatore del concept e creatore del software, il quale aggiunge:

«Linear ci ha consentito di lavorare sull’ideazione e lo sviluppo di un vero e proprio servizio, non una banale conversazione con percorsi di domande risposte pre impostati. Lavoriamo ai BOT fin dal 2015 e, grazie a un bando per un progetto di ricerca e innovazione, lo scorso anno abbiamo realizzato una piattaforma di generazione di BOT per Telegram. I campi di applicazione di questi nuovi canali di user experience conversazionale sono infiniti: da sistemi di customer care a servizi di geolocalizzazione in mobilità, al conversational commerce, tema su cui stiamo lavorando proprio in queste settimane per il prossimo BOT che rilasceremo a breve ancora su FB Messenger».

Iscriviti al nostro gruppo Facebook

Iscriviti al nostro gruppo Linkedin

Categorie Assicurazioni,News,Tecnologia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better