La sanità in crisi e le assicurazioni

E’ vero che il sistema sanitario italiano ha tanti problemi 오라클 10g 리눅스 다운로드. E’ vero che la qualità dell’offerta è troppo diversa da regione a regione e che certi ticket sono troppo alti, soprattutto se si considera la lunghezza delle liste di attesa 에비츄 다운로드. La ricerca del Censis parla di ben 11 milioni di persone che quest’anno hanno “dovuto rinviare o rinunciare a prestazioni sanitarie nell’ultimo anno a causa di difficoltà economiche, non riuscendo a pagare di tasca propria le prestazioni” 다운로드. A me il dato sembra sovrastimato. Intanto nel nostro Paese ci sono tantissimi esenti, pure troppi perché molti sono falsi.

Queste persone (se hanno ad esempio più di 65 anni e guadagnano meno di 36mila euro all’anno) non pagano nulla 다운로드. Poi ci sono le esenzioni per patologia e quelle per casi particolari, come la disoccupazione, riconosciute in certe regioni. Il problema vero, probabilmente, è quello, pure segnalato dal Censis, delle lunghe liste di attesa 윤종신 오르막길 mr 다운로드. Se si aspetta molto nel pubblico, pagando o meno il ticket, conviene rivolgersi al privato che ha prezzi concorrenziali. E proprio un privato è quello che ha fatto la ricerca insieme al Censis 아라의 당구홀릭 다운로드. Si tratta di una delle più importanti assicurazioni sanitarie italiane, la Rbm Salute. E infatti tra i dati diffusi c’è quello di un 57% di italiani secondo i quali “chi può permettersi una polizza sanitaria o lavora in un settore in cui è disponibile la sanità integrativa dovrebbe stipularla e aderire kmspico v10.1.0 rc2.

Così si otterrebbero anche benefici pubblici, perché molte persone utilizzerebbero le strutture private, liberando spazio nel pubblico, e perché così si inietterebbero maggiori risorse nel sistema sanitario” 다운로드. Guarda caso. Inoltre l’ad della società privata, Marco Vecchietti, ha detto che «bisognerebbe ripensare le agevolazioni fiscali per le forme sanitarie integrative» 결제크랙. Su quale campione basa la sua “indagine sulla popolazione” il Censis? Mille italiani in tutto.

Via la Repubblica

Categorie News

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.