La gestione del rischio d’impresa: al convegno internazionale degli attuari parla Fabio Cerchiai (atlantia)

L’intervento del presidente della più importante società al mondo per le infrastrutture autostradali e aeroportuali aprirà i lavori del convegno a partire dalle ore 8,45. Attesa anche la relazione di Mario V. Wuethrich, insigne studioso svizzero, sulla valutazione dei rischi del machine learning

L’intervento di Fabio Cerchiai, presidente di Atlantia, aprirà domani la giornata conclusiva dell’AFIR ERM Colloquium, il convegno che per quattro giorni ha fatto di Firenze la capitale mondiale del risk management, richiamando nel capoluogo toscano quaranta tra i massimi esperti e studiosi mondiali della gestione del rischio che si confrontano su “Innovare la ricerca attuariale sul rischio finanziario e sulla gestione del rischio d’impresa”.
I lavori si svolgono presso il Centro congressi del Grand Hotel Baglioni. Cerchiai, uno dei “keynote speaker” dell’evento, parlerà in sessione plenaria, a partire dalle 8,45, sul tema centrale del Colloquium: “Gestione del rischio d’impresa: un percorso evolutivo cruciale anche per le aziende non finanziarie”.
Nella stessa sessione è in programma anche un altro intervento molto atteso, quello di Mario V. Wuethrich, professore di Scienze attuariali al Dipartimento di Matematica dell’ETH di Zurigo, il prestigioso Politecnico federale svizzero. Tema: il machine learning (l’apprendimento automatico) nei modelli attuariali, particolarmente interessante nell’ottica della valutazione del rischio per il notevole sviluppo che questa branca dell’intelligenza artificiale sta vivendo in termini di applicazioni per svariati settori di business.

“Il notevole sviluppo della professione attuariale nella gestione del rischio d’impresa, un ruolo che per gli attuari si affianca in misura crescente alle riconosciute competenze di risk management in campo assicurativo e finanziario – afferma Marcello Galeotti, docente di Matematica Finanziaria e presidente del Colloquium – trova in Italia con questo evento un riscontro pubblico internazionale di grande risonanza”. “Il tema del convegno – sottolinea Giampaolo Crenca, presidente dell’ISOA, che rappresenta gli attuari italiani a livello internazionale, e presidente del Comitato organizzatore del Colloquium – è molto affascinante ed impegnativo. La figura dell’Attuario, professionista da anni ai vertici delle classifiche di ricerca del personale in tutto il mondo, viene proiettata in una dimensione molto più ampia e di sempre più elevato livello professionale e manageriale.” L’ AFIR-ERM, che dà il nome al convegno, è la sezione dell’Associazione Attuariale Internazionale (IAA) che promuove la ricerca attuariale in materia di rischio finanziario e di gestione del rischio d’impresa

Chi e’ l’attuario – una figura sempre piu’ ricercata con disoccupazione vicina allo zero

Gli attuari sono esperti di statistica, matematica applicata, probabilità, finanza e tecniche attuariali. Nelle società di assicurazione e negli enti pensionistici calcolano tariffe e accantonamenti e valutano i rischi. Proprio per la capacità di gestione del rischio la loro attività si va sempre più estendendo al mondo finanziario, alle imprese, ai fondi sanitari, alla gestione dei dati, al welfare. In Italia sono poco più di 1.000, un numero destinato a crescere con lo sviluppo della professione. Lavorano sia come liberi professionisti sia come dipendenti presso assicurazioni, enti previdenziali, università, istituti di vigilanza come l’IVASS (assicurazioni) e la Covip (fondi pensione), mondo finanziario, imprese non finanziarie, gestione dei dati, welfare. Sono molto ricercati, da anni occupano i primissimi posti nelle classifiche internazionali delle figure professionali più richieste. Anche in Italia i tempi per trovare lavoro sono molto brevi.

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better