Insurtech: quali sono i trends che stanno digitalizzando le assicurazioni

Le continue innovazioni tecnologiche stanno influenzando e trasformando il settore assicurativo nel suo modus operandi e nei prodotti che offre.Basta tenere in considerazione alcuni esempi per capire quanto sia grande questa evoluzione.

Uno di questi è relativo ad un’associazione giapponese di coltivatori di frutta la quale, attraverso una campagna di vendita chiamata “Dentapple”, offre oltre alla vendita delle mele anche un’assicurazione dentale. Per usufruire di questo vantaggio e di questa polizza, i clienti dovranno scattare una foto utilizzando il codice presente sulla confezione, che poi sarà inviata ad alcuni specialisti per avere una consulenza sullo stato di salute dei denti.

Oramai tutto gira attorno alla condivisione e all’utilizzo degli smartphone.

Di fatti, secondo CBinsights, solo nel 2016 sono stati investiti un miliardo e settecento milioni di dollari nelle startup insurtech.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono i fattori che hanno portato a questa trasformazione:

  •  Gli Smartphone: grazie al loro essere “microcomputer” e ad una connessione wifi, sono diventati un punto di contatto diretto con l’assicuratore, per assistenza e per consigli su nuove polizze.
  • L’avvento delle Chatbot: un upgrade della comunicazione estemporanea con l’assicuratore è la nascita dei bot, sistemi automatizzati in grado di rispondere alle nostre domande. Alcune compagnie, per esempio, danno la possibilità di conoscere il costo di una polizza sulla chat di Messenger. Il cliente ha il solo compito di digitare alcuni dati nella casella di messaggistica istantanea, ed il bot analizza i dati e risponde in automatico, fornendo una stima dei costi.
  • Microassicurazioni: oltre alle classiche polizze su auto e immobili, si sta diffondendo sempre più l’interesse nell’assicurare piccoli oggetti tecnologici, quali pc, smartphone, macchina fotografica, ecc.
  • Blockchain e assicurazioni: dato il continuo aggiornamento delle tecnologie, a breve vivremo in un mondo di milioni di oggetti connessi tra di loro e sarà quindi possibile determinare con precisione e trasparenza totale che cosa è accaduto e in quale momento. Sarà quindi possibile attivare dei contratti intelligenti, basandosi sull’andamento del mercato, sulle notizie dell’ultima ora, ecc.
  • Cyber insurance: era inevitabile la nascita di questa copertura assicurativa. In un mondo in cui la maggior parte dei nostri dati, sensibili e non, sono sul web, i rischi derivanti da incidenti digitali sono aumentati. Pertanto si cerca di proteggersi da eventuali attacchi hacker o crash di sistemi cloud.
  • Insurance of Things: l’intelligenza artificiale ha raggiunto anche il settore assicurativo, apportando migliorie nella qualità della vita di tutti. Un esempio è la nascita dei sensori installati sulle automobili che percepiscono in maniera anticipata un sinistro ed attuano un sistema di frenata in grado di evitare il coinvolgimento della vettura.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook
Iscriviti al nostro gruppo Linkedin

Categorie Assicurazioni,News,Tecnologia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better