Generali Italia: annuncio della creazione del nuovo Innovation Park

Generali Italia ha completato più della metà del piano di semplificazione triennale da 150 milioni annunciato lo scorso settembre e l’obiettivo è chiudere tutto con un po’ di anticipo, a fine 2018.

Dei 20 cantieri avviati l’anno scorso per ripensare tutti i processi della compagnia 12 sono stati chiusi e 8 sono ancora aperti, spiga a MF-Milano Finanza l’amministratore delegato di Generali Italia, Marco Sesana.

L’occasione per fare il punto sullo stato del progetto Semplificazione è stata la presentazione del 10 Ottobre, a Mogliano Veneto, del nuovo Innovation Park di Generali.

Si tratta del polo dell’innovazione, con 5 mila metri quadri di spazio destinati allo sviluppo di idee, progetti e tecnologie digitali.

Marco Sesana, ha dichiarato:

“Un’area dove costruire l’assicurazione del futuro con sei casette tematiche, dove si possono testare sul campo i nuovi prototipi e le nuove tecnologie digitali per lo sviluppo di nuove soluzioni assicurative. Innovare significa sviluppare nuove tecnologie digitali ma anche introdurre nuovi modi di lavorare. Ora stiamo lavorando sul post vendita e sull’assistenza al cliente. Alleanza è stata quella che si è mossa per prima nel gruppo Generali e oggi il 60% delle nuove emissioni di polizza sono completamente digitali. Stanno partendo le altre reti di agenti e il risparmio di tempo e di carta sembra evidente”.

E continua:

“Abbiamo migliorato il modello di servizio di assistenza alle agenzie, velocizzando i tempi di risposta, tra i principali vantaggi dei nuovi processi digitali c’è per esempio il fatto che i dati richiesti ai clienti per stipulare una polizza sono scesi dell’80% perché abbiamo aumentato l’utilizzo dei database, e il tempo di elaborazione dei preventivi è sceso del 50%.”

Nel ramo Vita si è passato in alcuni casi da documenti che richiedevano 12 firme a una sola firma digitale, con il 25% in meno di pagine stampate.
Quest’anno è stato investito circa metà del budget previsto, ed ora stanno entrando nel vivo i cantieri che si occupano della revisione del post vendita.

Conclude Sesanna affermando in merito al Ramo Vita:

“Il business si sta muovendo in linea con il primo semestre; a settembre abbiamo lanciato due nuove polizze ibride completamente digitali, che seguono le nuove logiche e sembrano molto apprezzati dai clienti”.

Nel primo semestre Generali in Italia (che comprende tutte le attività del gruppo nel Paese) ha chiuso i conti con un risultato operativo di 660 milioni, il più alto tra tutti i Paesi in cui il Leone è presente, anche se in rallentamento rispetto ai 696 milioni di giugno 2016. Mentre il New Business Value (che misura la profittabilità dei premi) è stato di 453 milioni rispetto a 330 milioni di giugno dello scorso anno.

Per quanto riguarda il Danni il risultato operativo era stato invece di 362 milioni, anche questo il più alto tra tutti i Paesi in cui il gruppo è presente ma in frenata rispetto ai 416 milioni di giugno 2016.

Per visualizzare il comunicato stampa di Generali clicca qui

Iscritivi al nostro gruppo Facebook
Iscriviti al nostro gruppo Linkedin

Categorie Assicurazioni,News,Tecnologia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better