Falsi incidenti con finte vittime Maxitruffa alle assicurazioni

Napoli, denunciati anche un medico, tre avvocati e tre consulenti assicurativi

Erano stati ottenuti rimborsi per 400mila euro

Un medico, tre avvocati tre consulenti assicurativi e 52 «finte vittime» 다운로드. Tutti, ovviamente, denunciati. Una holding per truffare le assicurazioni per una somma considerevole: 400.000 euro. Il tutto è accaduto a Napoli dove sono intervenuti i carabinieri della stazione di Capodimonte che hanno scoperto episodi che risalgono tra il 2010 e il 2011 sbs 뉴스 영상.

Secondo la ricostruzione dell’accusa, i professionisti «avevano tessuto una lucrosa rete di complicità per creare finti sinistri stradali con feriti» e ottenere corposi risarcimenti e truffare quindi le assicurazioni 다운로드. L’uomo-chiave era proprio il medico, nel frattempo deceduto: all’epoca dei fatti in servizio al Cto, in uno dei principali ospedali della città, «attestava l’esistenza nelle finte vittime di patologie e traumi conseguenti ai sinistri» gwd 파일. Il caso di specie è citato nelle indagini e risulta chiave. Emblematico il caso di un finto incidente tra un avvocato e suo fratello che risultava essere la vittima 다운로드.

In altri casi la documentazione medica era relativa «ad accessi fasulli in pronto soccorso oppure a esami, soprattutto radiografie e lastre, eseguite sì in ospedale, ma ad altri pazienti, ignari di quanto gli stesse accadendo» 트와이스 시그널 mp3 다운로드. Una volta redatto, naturalmente il fascicolo «veniva presentato alle compagnie assicurative per avviare le pratiche di risarcimento» con la complicità degli avvocati e dei consulenti assicurativi e anche dei periti .In totale, sono 47 i finti incidenti scoperti, per i quali le compagnie assicurative hanno liquidato alle parti, «per i danni materiali e fisici», oltre 400mila euro 다운로드. Ieri la notifica della chiusura delle indagini preliminari.

Via Corriere del Mezzogiorno

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.