Direttiva Europea sull’Intermediazione Assicurativa, entro l’anno il via libera definitivo. SNA a Bruxelles per l’esame finale del testo

MILANO – A metà ottobre si è tenuto a Bruxelles un incontro, organizzato dal Bipar, la Federazione europea degli intermediari assicurativi, dedicato all’analisi della direttiva sulla distribuzione assicurativa – DDA.

 

Per SNA erano presenti il Direttore, Andrea Bonfanti, e Jean François Mossino, delegato SNA al Bipar del quale presiede la Commissione Permanente Agenti.

Potendosi considerare ultimata la fase del confronto politico ci si sta ora concentrando sulla verifica della traduzione del testo della DDA, nella lingua dei singoli Stati membri. A tale fine prima della partenza per il Belgio, il Sindacato ha approfondito il tema in un incontro con il Consulente legale Avv. Paolo Martinello al quale hanno partecipato Domenico Fumagalli, Michele Languino e gli stessi Bonfanti e Mossino. Successivamente è stato predisposto un documento condiviso con le associazioni dei broker Aiba ed ACB, presentato al Bipar per le necessarie verifiche da parte dei giuristi e traduttori.

Sia il documento congiunto che il testo della DDA, tradotto in italiano, sono scaricabili in calce a questo articolo. Il documento congiunto di SNA, Aiba e ACB richiama l’attenzione su alcune imprecisioni nella traduzione italiana del testo della Direttiva che possono dare luogo a interpretazioni non coerenti con il testo originale in lingua inglese. Relativamente ai contenuti e, quindi, al recepimento della direttiva, si ritiene che a livello nazionale non vi dovrebbero essere grandi ripercussioni o modifiche, avendo l’Italia già adottato molte delle misure previste. Sarà comunque importante vigilare sia sulla traduzione definitiva del testo sia sull’interpretazione che potrà essere data dalla vigilanza su alcuni passaggi. Le interpretazioni che verranno fornite da EIOPA, autorità di vigilanza europea, saranno di primaria importanza.

La DDA dovrebbe essere approvata dal parlamento Europeo entro il prossimo dicembre per essere poi pubblicata sulla Gazzetta della Comunità Europea nel mese di febbraio 2016. Sarà poi la volta di ciascuno stato membro, che avrà 24 mesi di tempo per recepire la normativa a livello nazionale.
Da oltre 40 anni Sna collabora attivamente con il Bipar, unico organismo tramite il quale gli intermediari italiani, così come quelli di tutta Europa, hanno la possibilità di far sentire la propria voce in Europa, rappresentando presso l’Unione Europea e le autorità internazionali le peculiarità del mondo dell’intermediazione assicurativa del nostro Paese, allo scopo di contribuire all’emanazione di norme che tengano in debito conto tali specificità compatibilmente con le esigenze europee.
Roberto Pisano

Scarica IDD1
Scarica IDD 2

via SNA channel

Categorie Associazioni di Categoria,News

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better