Ddl concorrenza, si cerca l’accordo sull’Rc Auto

Arrivano criteri più dettagliati per le norme dell’Ivass che dovranno definire lo sconto aggiuntivo per gli automobilisti virtuosi del Mezzogiorno, con un regolamento che dovrà essere emanato entro 90 giorni e non più nei 120 giorni ipotizzati inizialmente. Con un nuovo emendamento al ddl concorrenza i relatori Salvatore Tomaselli (Pd) e Luigi Marino (Ap) provano a superare lo scoglio della cosiddetta «tariffa Italia», che avrebbe dovuto uniformare nel paese le tariffe Rc Auto per tutti gli automobilisti che non provocano sinistri, ma che avrebbe però potuto creare ostacoli al libero mercato.

Il nuovo emendamento, che modifica l’articolo 3 e 7, presentato in commissione Industria, dettaglia invece i criteri per il regolamento Ivass che dovrà portare le compagnie a praticare sia lo sconto generale (che scatta per gli automobilisti che accettano di far sottoporre il veicolo a ispezione e installano la scatola nera) sia quello «aggiuntivo e significativo» che dovrà essere applicato gli automobilisti virtuosi delle aree a più alta sinistrosità. Dovranno per esempio essere definiti i parametri oggettivi, tra cui la frequenza dei sinistri e il relativo costo medio per il calcolo dello sconto aggiuntivo e non potranno sussistere differenziali di premio che non siano giustificati da specifiche evidenze che il rischio per le imprese sia diverso nelle differenti città.

Di Anna Messia
Via Milano Finanza

Categorie News

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better