Assicurazioni, Credit Suisse: quale sarà l’impatto dell’uragano Harvey sul capitale europero

Credit Suisse ha analizzato in un report gli effetti dell’uragano sul settore assicurativo europeo, affermando che Harvey non impatterà sul capitale delle compagnie assicurative europee, nonostante sia ancora presto per calcolarne con precisione le perdite 스파이 브릿지 다운로드.

Hanno spiegato alla banca d’Italia:

“Con le inondazioni devastanti ancora in corso dopo l’uragano Harvey in Texas, è troppo presto per arrivare a una qualsiasi stima concreta delle perdite di natura economica o assicurativa linux jdk 1.7. Prendiamo a confronto la tempesta tropicale Allison. Alison portò a perdite economiche pari a circa 15 miliardi di dollari e a perdite assicurative attorno a 5 miliardi 다운로드. Riteniamo che le perdite dopo Harvey potrebbero uguagliare o superare questi livelli, date le continue inondazioni”.

Ha aggiunto poi il broker:

“Crediamo che la maggior parte delle perdite da questo evento deriverà dall’impatto delle inondazioni interne piuttosto che da quello del vento o delle onde 다운로드. L’assicurazione sulle inondazioni spesso non è inclusa nelle polizze dei proprietari di casa ed è coperta dal National Flood Insurance Program (Nfip, programma del governo degli Stati Uniti con l’obiettivo di ridurre l’impatto delle alluvioni sulle strutture pubbliche o private) 다운로드. Tuttavia, riteniamo che esista un alto livello di sotto-assicurazione che limita le potenziali perdite per le compagnie. La copertura sulle alluvioni è di solito inclusa nei contratti commerciali ed è qui dove ci potrebbe essere una larga parte delle perdite per i riassicuratori europei coinvolti in questo mercato” 에스라인 다운로드.

Seguono poi le riflessioni degli analisti di Credit Suisse, i quali hanno dichiarato:

“I riassicuratori come Hannover Re, Munich Re , Scor e Swiss Re, sono esposti a perdite nelle zone coinvolte due volte: dalla loro partecipazione alla copertura riassicurativa del programma Nfip e dalla copertura sugli assicuratori commerciali primari 다운로드. L’esposizione al Nfip è limitata a circa 1 miliardo di dollari di perdite oltre ai 4 miliardi di retention, condivisi tra 25 riassicuratori. La maggior parte delle perdite potrebbe derivare da polizze di riassicurazione commerciale 안드로이드 와이파이 에서만 다운로드. Ci aspettiamo che questo sia un evento che impatterà sugli utili e che verrà probabilmente messo all’interno dei budget annuali sulle catastrofi, piuttosto che qualcosa che avrà un impatto sul capitale o sul pricing” 다운로드.

 

“Tra i i singoli player del settore”, hanno proseguito alla banca d’affari, “osserviamo che Zurich ha un’esposizione più elevata di Allianz al mercato commerciale statunitense con una quota di mercato del 4% contro l’1% di Allianz 다운로드. Tuttavia la sua esposizione alle perdite retail attraverso Farmers Insurance ha un tetto di 20 milioni. Come per i riassicuratori, riteniamo che sia un evento che colpirà l’utile di Zurich ed è improbabile che influenzerà il suo forte surplus di capitale o l’outlook sul dividendo. Per quanto riguarda il gruppo Lloyds notiamo che l’esposizione varia in base alla linea di business e ai tipi di politiche. Tuttavia crediamo che Lancashire sia più esposto di Beazley e Hiscox”.

A Francoforte salgono Hannover Re (+0,6% a 100,75 euro), Munich Re (+1,19% a 174,3 euro) e Allianz (+0,31% a 178,6 euro). A Parigi è debole Scor Se (-0,36% a 34,86 euro), mentre a Zurigo scambia sopra la prità Swiss Re (+0,12% a 85,6 franchi svizzeri) e Zurich (+0,11% a 285,6 franchi svizzeri). A Londra è debole Lloyds (-0,81% a 63,33 sterline).

Via Milano finanza

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.