Assicurazioni: cosa succede a chi non rispetta Solvency II

La direttiva Solvency II volta a mitigare i rischi per le compagnie assicurative è entrata in vigore all’inizio dell’anno e, come già ricordato dalla una recente ricerca commissionata da BlackRock, il 49% dei rispondenti ha messo in evidenza che i cambiamenti normativi sono il principale aspetto critico di trasformazione dell’industria assicurativa nei prossimi 12-24 mesi. 

Secondo Patrick Liedtke, head of financial institutions group Emea di BlackRock “se Solvency II non viene applicata in modo corretto, sarà difficile attrarre capitali. Le compagnie assicurative con i ratio di solvibilità più elevati possono spingersi oltre investendo in strategie che comportano maggiori oneri patrimoniali. Mentre per gli assicuratori con coefficiente di solvibilità inferiori, la situazione sta diventando sempre più difficile, perché la politica monetaria, la forte domanda di qualità, e la riforma della regolamentazione finanziaria hanno contribuito a ridurre i prodotti in distribuzione e ad abbassare i rendimenti dei bond, comprimendo la liquidità nel reddito fisso. 

In Europa e nel resto del mondo, i requisiti patrimoniali più severi previsti dalla direttiva Solvency II stanno spingendo le compagnie assicurative, in particolare quelle con i ratio di solvibilità più bassi, a favorire gli strumenti a reddito fisso investment grade e a diversificare con minori requisiti di patrimonializzazione”.

via Finanza.com

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better