Audi Electronic Venture: la casa automobilistica recluta hacker a tutela della sicurezza

Nasce il laboratorio “Electronics venture”: tecnici impegnati a individuare e “blindare” le debolezze dei sistemi online, a partire dal wi-fi. Previste anche collaborazioni con i fornitori esterni per alzare il livello di protezione.

Se l’IoT è la nuova frontiera degli hacker e se, attraverso attacchi alle comunicazioni machine to machine, i criminali informatici potrebbero causare danni incalcolabili alla società connessa, ci si sta impegnando sempre più nella ricerca di sistemi per minimizzare i rischi.

Pertanto la casa automobilistica di Ingolstadt corre ai ripari creando“Audi electronics venture”, un laboratorio in cui hacker insieme ad altri esperti di cybersecurity hanno l’obiettivo di individuare in tempo reale i difetti e le vulnerabilità dei sistemi connessi montati a bordo dei veicoli, per “blindarli” all’instante, anche attraverso aggiornamenti periodici.

Il compito del team di Audi Electronics Venture è quello di insegnare agli ingegneri del brand tedesco a evitare che il sistema possa essere manipolato da malintenzionati. Ad esempio, uno dei punti deboli del sistema può essere il collegamento con gli smartphone e con le connessioni wi-fi.

Questi possono consentire agli hacker di avere accesso a dati sensibili del cliente molto facilmente. Inoltre, essi possono permettere a questi di accedere anche al software delle auto, con grave pericolo per la sicurezza di guidatore e passeggeri.

Il team persegue importanti obiettivi per il futuro prossimo. Nella mission del laboratorio rientra anche la collaborazione con i fornitori esterni della casa tedesca, per fare in modo che non si creino “punti deboli” dovuti a standard di sicurezza più bassi adottati da aziende terze coinvolte nella produzione dei veicoli.

Tra le prime vulnerabilità da mettere in sicurezza, ci sono le connessioni wi-fi per gli smartphone a bordo, che mettono gli hacker nelle condizioni di carpire informazioni su chi è a bordo dell’auto e di accedere al software del mezzo mettendo potenzialmente in pericolo la sicurezza degli utenti.

Tra l’altro è importante sottolineare che Audi Electronics venture sta lavorando anche alla creazione di un’architettura di rete che isoli nel veicolo i sistemi riducendo i pericoli.

Inoltre, si punta anche a fornire aggiornamenti al sistema anche dopo che il veicolo sia stato acquistato dal cliente in maniera da tenere sempre aggiornati i sistemi. Si tratta, del resto, della stessa cosa che già accade da tempo quando acquistiamo smartphone, computer o tablet.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook
Iscriviti al nostro gruppo LinkedIn

Categorie Assicurazioni,News,Tecnologia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.