Assicurazioni in Italia: grande divario con il resto d’europa e tra nord e sud

Su assicurazioni e polizze per la tutela dell’automobile, l’Italia rappresenta al giorno d’oggi ancora una delle nazioni più care: è sicuramente una delle notizie che non fanno “notizia”, per l’appunto, dal momento in cui siamo sostanzialmente più che “abituati” al divario che intercorre tra il Belpaese e molte altre nazioni all’interno delle quali il versamento per il premio assicurativo non raggiunge certamente i livelli italiani.

Ma la notizia recente – che è stata comunicata in seguito ad uno studio effettuato proprio negli ultimi tempi da parte dell’Ivass, l’Istituto che si occupa della vigilanza sulle assicurazioni – è quella secondo la quale la situazione non è per nulla stata modificata, nell’ultimo periodo. In sostanza, ancora oggi possiamo contare – si fa per dire – su un premio molto elevato per quel che riguarda i costi delle assicurazioni auto e moto: tutto ciò avviene, fondamentalmente, nonostante sia stata abbastanza evidente la presenza di una forte riduzione che ha interessato proprio il prezzo medio delle assicurazioni negli ultimi cinque anni.

Ma quali sono i prezzi a cui si fa ancora riferimento? Oggi si parla di un costo medio di 420 euro per un’automobile utilizzata per uso privato; la forbice è abbastanza importante, dal momento che in Italia il divario è superiore di ben 140 euro rispetto, ad esempio, a Francia, Germania e Spagna.

Il divario è anche e soprattutto interno. È una situazione abbastanza nota quella che si sta verificando negli ultimi anni in merito al costo medio di polizze ed assicurazioni auto in Italia.

Ciò che fa riflettere è il gap che viene evidenziato dalla relazione annuale effettuata dall’autorità di vigilanza e che riguarda Nord e Sud. In Italia, infatti, si evidenzia una differenza molto importante tra il Settentrione ed il Meridione, dal momento in cui in città come Napoli, ad esempio, il prezzo medio dell’assicurazione nel 2016 è stato di circa 600 euro, mentre ad Aosta il costo è di circa 300 euro.

Via anordest

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better