Assicurazioni auto e controlli automatici, a che punto siamo?

Si possono usare tutor e autovelox per verificare la validità delle assicurazioni auto? Anche se la legge prevede i controlli automatici, in realtà per questioni burocratiche non vengono fatti.

Sulle strade italiane circolano almeno 5 milioni di veicoli senza RC auto. Il legislatore più volte è intervenuto per cercare di introdurre dei controlli automatici, ma ancora oggi i controlli sulle assicurazioni auto possono avvenire solo in presenza degli agenti di Polizia Stradale. Vediamo insieme cosa dice la legge e qual è la situazione reale.

Controlli automatici delle assicurazioni auto: cosa dice la legge

Negli ultimi 7 anni il legislatore ha cercato ben 3 volte di introdurre i controlli automatici delle assicurazioni auto. D’altronde quello dei veicoli senza RC auto è un problema concreto e molto diffuso: se le stime sono attendibili, si parla di più di 5 milioni di veicoli.

Una cifra esagerata che potrebbe essere azzerata con poco sforzo. Almeno sulla carta, infatti, basterebbe fare controlli incrociati tra i numeri di targa e le polizze sottoscritte. Ma così non è, almeno per il momento. Già la Legge di Stabilità del 2012 (L. 183/2011) aveva cercato di introdurre i controlli automatici, modificando l’articolo 193 del Codice della Strada. La norma autorizzava l’uso delle immagini registrate da autovelox omologati e dai varchi d’accesso ai centri storici e alle zone a traffico limitato per controllare la validità e l’esistenza delle polizze assicurative.

Poi è stata la volta della Legge di Stabilità 2016 (L. 208/2015), che ha modificato l’articolo 201 del Codice della Strada, prevedendo controlli automatici anche da remoto per verificare la validità dell’RC auto, delle revisioni e dei sovraccarichi. Infine, la Legge sulla Concorrenza approvata ad agosto 2017 (L. 124/2017) ha autorizzato l’utilizzo delle immagini registrate da tutor e autovelox per controllare automaticamente le assicurazioni auto.

Controlli automatici delle assicurazioni auto: perché non vengono usati?

Nonostante le norme ci siano, a causa di problemi burocratici i controlli automatici non sono ancora utilizzabili. In pratica, il legislatore ha autorizzato l’uso dei controlli automatici soltanto se vengono utilizzati degli strumenti omologati a questo scopo.

In mancanza dell’omologazione, tutor e autovelox non possono essere usati per questo tipo di controllo. Ad oggi e fino a quando non si procederà a omologare le apparecchiature, i guidatori di un mezzo senza assicurazione possono essere sanzionati solo in occasione di un controllo fatto dalla Polizia Stradale.

Via 6sicuro.it

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.