Assicurazione auto: a Varese aumentano i controlli

Al via a Varese l’installazione di una rete di telecamere in grado di leggere la targa delle auto per individuare eventuali infrazioni.

Una tra le città più virtuose in termini di sicurezza pare essere Varese che, infatti, sta portando avanti un progetto di installazione di telecamere per individuare le targhe di veicoli sospetti o non in regola in termini di revisione o di assicurazione.

Assicurazione auto: Varese è più sicura

Per la città il progetto riguarda l’installazione di telecamere alle vie di accesso principali alla città: le arterie di immissioni provenienti dall’autostrada, dalla tangenzialina e dalle principali vie cittadine. Queste telecamere sono in grado di leggere la targa e di interscambiare dati in tempo reale al fine di informare gli agenti delle forze dell’ordine su eventuali transiti di veicoli non in regola.

Verranno informati con una segnalazione la Polizia Stradale, la Polizia Municipale, i Carabinieri e la Guardia di Finanza. Non appena il Ministero darà segnale positivo al progetto, gli impianti installati diverranno omologati per emettere sanzioni immediate verso questi veicoli privi di assicurazione e di revisione. Varese segue dunque la via tracciata dalla città di Perugia, che aveva già avviato una sperimentazione simile.

Un progetto utile a tutta la regione

Alla conferenza stampa di presentazione, oltre a Roberto Maroni e al sindaco della città Attilio Fontana, era presente anche Simona Bordonali, assessore regionale alla sicurezza. Il progetto è stato ben accolto da Maroni, il quale ha in mente un ampliamento, come spiega:

“Un obiettivo a cui stiamo lavorando è quello di mettere in rete tutte le telecamera di videosorveglianza pubbliche e private, in modo che sia possibile seguire gli spostamenti di chi, per esempio, ha compiuto una rapina. Su questo faremo una sperimentazione, magari partendo da Varese. Non ultimo, questa iniziativa interessa perché un domani, se dovesse passare la riforma Costituzionale e le province non ci fossero più, la Regione potrebbe dover controllare le strade provinciali, cosa che preoccupa vista la penuria di risorse”.

Ormai ogni città si sta attrezzando per combattere i furbetti delle quattroruote e farla franca non è così facile come un tempo. Ricordiamo infatti che, se hai intenzione di circolare senza assicurazione, potresti trovarti a pagare una multa molto più superiore del costo della polizza.

Via 6sicuro.it

Categorie News

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better