Come l’analisi dei Big Data può dare uno scossone alle Assicurazioni

Il settore assicurativo è per definizione e per pratica un settore che vive nel “rischio”, ma l’era digitale sta rimescolando i modelli di business attuali, soprattutto in questo settore.

“Tradizionalmente le assicurazioni sono un business lento”, ma il ritmo del cambiamento negli ultimi due o tre anni è qualcosa che non si era mai visto prima.

Il momento della svolta si è verificato quando una manciata di compagnie di assicurazione ha capito che analizzando i dati raccolti online poteva elaborare modelli di business aderenti alle attuali esigenze del mercato, partendo da quelle senza fare il percorso inverso, ovvero elaborare soluzioni assicurative e persuadere gli utenti che fossero necessarie. Questo processo ha innescato una reazione a catena che sta ancora rimescolando il mercato.

Stiamo assistendo ad un enorme desiderio di sfruttare la tecnologia in generale, e più in particolare i dati. La trasformazione analitica ha origine nel mercato assicurativo automobilistico, che rappresenta una grossa fetta del più ampio mercato delle assicurazioni, all’interno del quale figurano ad esempio danni e infortuni. Da pochi anni alcune società di assicurazione del settore auto ha iniziato la raccolta di dati molto più approfonditi sui potenziali clienti, ad esempio tramite i social network, survey online, siti e blog specializzati.

In buona sostanza questi dati hanno permesso una completa rimodulazione delle classi di rischio, andando a comporre vari cluster e permettendo alle compagnie di immettere sul mercato prodotti totalmente nuovi. Questa esperienza di utilizzo dei dati e l’utilizzo di modelli costruiti sui dati a prezzi sempre più competitivi, è ciò che sta succedendo nelle aziende leader da un certo numero di anni a questa parte.

Nuovi modelli di statistica e possibilità di calcolo sempre più veloci.

Ma perché tutto ciò si sta verificano in questo momento? ci sono due ragioni principali: i progressi nella sofisticazione delle tecniche di modellazione statistica e la disponibilità di potenza di calcolo in parallelo. Sembra passato un secolo da quando era necessario lasciare i computer aziendali accesi tutta la notte per effettuare i calcoli dei modelli statistici, oggi con l’attuale potenza di calcolo a disposizione è possibile operare in tempo reale.

Commerciale, casa, ed RC professionale
Mentre l’analisi dei dati ha fatto il suo ingresso nel mercato assicurativo attraverso il segmento auto, sta piano piano invadendo altri rami assicurativi come ad esempio l’assicurazione sulla casa, quella per le attività commerciali e la RC professionale. Il settore assicurativo commerciale e quello per gli immobili stanno esplorando attivamente l’uso di dispositivi telematici per alimentare dati attraverso l’Internet of Things (IoT), ovvero l’invio delle informazioni su tutto ciò che succede all’interno dell’appartamento.

Facciamo un esempio, se dalle rilevazioni dei dispositivi presenti, risulta che per la maggior parte del tempo gli inquilini sono fuori, rincasando in tarda serata, magari per lavoro, saranno più propensi a sottoscrivere un prodotto assicurativo che li metta al riparo dal rischio di un furto nell’abitazione, o da un incendio.

I dati provenienti da social media come Facebook e Twitter stanno diventando un un prezioso aiuto per il mercato delle RC professionali; tutte le criticità elencate dai professionisti sui vari blog, profili social e così via sono informazioni fondamentali per comporre soluzioni assicurative dedicate.

L’analisi dei dati per il settore welfare privato.

Come è noto, soprattutto in Italia, il tema del welfare privato è un tema in costante crescita, in questo senso i dispositivi sia medicali che tecnologici che sono in grado di trasmettere dati inerenti lo stato di salute delle persone, ormai sono largamente diffusi. Gli ospedali, le cliniche ed i centri privati vanno via via digitalizzando sempre di più tutto il processo di raccolta dati dei pazienti, da questa breve panoramica è possibile comprendere come le compagnie assicurative abbiano a disposizione una miriade di dati per elaborare prodotti assicurativi dedicati e specifici per il settore welfare.

Categorie Assicurazioni,News,Tecnologia

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better