Aggiornamento biennale OAM, perché è importante

Tutti i professionisti iscritti all’OAM ogni anno sono chiamati ad eseguire l’aggiornamento biennale OAM

 

Aggiornamento biennale OAM professionalità certificata
La materia creditizia non è certo un settore facile in cui operare, ed è sicuramente uno di quelli per i quali è necessario essere sempre aggiornati, se si pensa solo alle direttive europee e alle revisioni che avvengono in questo settore occorrerebbe aggiornarsi costantemente; ovviamnte a livello tecnico l’OAM ha previsto un aggiornamento biennale a cui tutti gli iscritti sono chiamati ad attenersi. In ogni biennio quindi tutti gli iscritti all’OAM devono necessariamente coprire il monte ore previsto sia per il primo anno che per il secondo anno.

La certificazione delle competenze acquisite, e mantenute proprio grazie a questo tipo di aggiornamenti è una componente fondamentale nella vita di ogni professionista. Se solo si pensa alla compilazione di un curriculum, di un profilo linkedin ad esempio, le competenze acquisite e rinnovate tramite aggiornamento sono il fiore all’occhiello per un professionista soprattutto agli occhi di un’azienda.

Aggiornamento biennale OAM uno strumento per combattere gli abusivi
Spesso in Italia si sente parlare dell’abusivismo nel settore del credito (anche in quello assicurativo), ecco, le competenze che costituiscono la professionalità di una persona sono lo strumento principe per distinguersi dagli abusivi, da coloro che operano senza alcuna nozione di quello che si sta facendo. Chi cerca una consulenza per un mutuo o un finanziamento apprezza sempre la preparazione dell’intermediario con cui ha scelto di operare.

Aggiornamento biennale OAM un must per i professionisti del credito
Ogni professionista del credito che si rispetti arricchisce e rinnova le proprie competenze professionali ed il bagaglio culturale attraverso la formazione continua, il credito come tutti i settori è in continua evoluzione, e così devono esserlo i professionisti che ne fanno parte.

Categorie News,OAM

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better