Se abiti in centro paghi di più: ecco perché aumenta l’Rc auto

A spiegare come funziona, in alcuni casi, il tariffario delle assicurazioni è il direttore della comunicazione del portale di comparazione assicurativo Facile.it, Andrea Polo.

Il portale ha realizzato uno studio per il Corriere della Sera: “La ragione, spesso, si trova nell’acronimo Cap — spiega l’esperto – in alcune grandi città italiane risiedere in una zona o nell’altra della città, a volte anche solo da un lato o dall’altro della stessa strada, possa incidere sensibilmente su quanto si paga di assicurazione”.

Facile.it ha anche fatto un esempio. Un generico individuo, sposato, che a Milano abita per tanti anni in una via, ha una station wegon 1.4 una station wagon 1.4 ed è in prima fascia, se cambia numero civico e si sposta di qualche isolato (magari nella stessa via) la sua assicurazione potrebbe salire del 10%.

Ovviamente non vale solo per Milano. Ma è nelle grandi città che l’Rc auto può giocare questi scherzi. A Napoli, fa notare il Corriere, se si risiede nel Cap 80139 (invece che 80127, 80128 e 80129) il premio aumenta del 36,4%. Più o meno 174,45 euro. E ancora: a Bari gli aumenti arrivano al 18%, a Torino al 12%, a Roma l’11%, a Firenze 2,15% e Genova l’8,25%.

“Alcune assicurazioni – fa però sapere Andrea Polo – scelgono di mantenere in tutto il territorio urbano la medesima tariffa, ma questa, sempre secondo la simulazione fatta da Facile.it è spesso maggiore rispetto alle migliori offerte di altre compagnie”. I cittadini più “fortunati” d’Italia sono dunque Bologna, Venezia, Cagliari e Palermo: qui il variare del Cap non porta ad aumenti sulle assicurazioni Rc auto.

Categorie Assicurazioni,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better