3 fattori che mettono in crisi il mercato delle RC auto

Quando si parla di interferenze sul mercato si ha spesso una visione a lungo termine delle cose.

Anche se è difficile prevedere quando le cose accadranno, o quale servizio o prodotto avrà più successo da un periodo all’altro; ci sono tuttavia alcune cose che stanno accadendo oggi e che potrebbero probabilmente avere un impatto più significativo sul modo in cui pensiamo l’assicurazione, si tratta di eventi, atteggiamenti e  investimenti fatti da parte dell’industria. Se analizzati separatamente, il loro impatto può essere misurato e calibrato e gli intermediari possono scegliere in che modo rapportarsi. Alcuni segnali mostrano un cambiamento emergente nel settore delle assicurazioni che pochi stanno considerando, ma hanno un potenziale tale da distruggere l’industria.

Ecco alcuni fattori che possono mettere in crisi il settore delle RC auto

Assicurazioni nell’epoca della condivisione
Che cosa succede al mercato assicurativo nell’epoca del Car sharing? Oggi l’individuo non è più legato al vincolo della propria auto, oggi un percorso casa-lavoro ad esempio può essere condiviso da più persone con la stessa auto, magari facendo in modo da rientrare nei parametri di un’assicurazione a chilometri. Meno auto in circolazione, significano anche meno sinistri poiché le probabilità si abbassano, anche nel nostro paese il car sharing si diffonde sempre di più, ed app di un servizio come il tanto discusso Uber incidono profondamente sugli stili di vita delle persone che tendono sempre di più ad abandonare il propio veicolo, o almeno a condividerlo.

Anche i servizi di autonoleggio a basso costo stanno iniziando a diffondersi, come si comportano quindi le assicurazioni in un epoca in cui non c’è più la vera e reale necessità di acquistare un’auto?

L’era digitale
La scatola nera può davvero introdurre un abbattimento dei costi? Il passo per introdurre un “punteggio” per i conducenti è molto breve, il dispositivo elettronico a bordo è già in grado di registrare una sorta di “stile di guida” valutando parametri come velocità, spazio di frenata e controllo del veicolo in un eventuale sinistro; non è impossibile ipotizzare che i top player assicurativi possano investire su un sistema di punteggio legato al costo assicurativo, ovvero una sorta di scheda punti che man mano che aumenta abbassa il costo assicurativo.

Ma non è solo la scatola nera a poter far abbassare i costi, vi è ormai anche la possibilità di acquistare o rinnovare la propria RC auto direttamente da un’app per smartphone ad esempio, abbattendo nettamente i costi di agenzie e subagenzie.

Si guida sempre di meno
In un sondaggio pubblicato da Gartner pochi anni fa, risultava che negli Stati Uniti il ​​46% delle persone di età compresa tra 18 a 34 avrebbe scelto su Internet l’auto da acquistare. Quel rito di passaggio per la nuova auto è stato sostituito dalle interazioni digitali tramite smartphone, le nuove generazioni si stanno muovendo in aree urbane sempre più dense, per lavoro, per la qualità della vita, etc, in queste aree la necessità di una macchina è bassa e l’utilizzo di reti di scambio o di trasporti pubblici è elevato. Il concetto di auto di proprietà in generale è in declino, con un minor numero di chilometri percorse ogni anno, in favore di bici e trasporti pubblici.

Di contro nei mercati in cui si vendono sempre più auto, come in Cina ad esempio, le richieste emergenti corrispondono ad “assicurazioni low cost” ovvero all’aumentare delle auto in circolazione corrisponde l’aumento dei servizi assicurativi “low cost”

Il risultato
L’economia della condivisione presenta una nuova opportunità per gli intermediari e per il mercato assicurativo di creare nuovi prodotti per un mercato che cambia.
La digitalizzazione offre l’opportunità di migliorare i prezzi e dare la possibilità di competere al di là di prezzo, fornendo servizi a valore aggiunto per di più sul comportamento di guida dei conducenti.

Categorie Assicurazioni,News

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better