Truffe alle assicurazioni per conto dei Mallardo

Chiesti 120 anni di carcere per ‘o chiattone e altri 14 imputati

GIUGLIANO. C’è stata stamattina, davanti alla Settima Sezione del tribunale di Napoli – Pres. Paglionico – la requisitoria nel processo di primo grado, col rito Ordinario, a carico di Giuseppe Mallardo ed degli altri imputati coinvolti nel processo per truffe alle assicurazioni per conto del clan Mallardo.

Pene severe quelle richieste dal Pm Maria Cristina Ribera della DDA di Napoli. La più alta è per Giuseppe Mallardo per cui sono stati chiesti 24 anni di reclusione, 12 per Salvatore Ciccarelli alias chiò chiò, Maria Garrone 5 anni, Rodolfo Crispino 10 anni, Annabella d’Anania 5 anni, Roberto di Napoli 12 anni, Eugenio Guaglione 7 anni, Giovanna Mandara 8 anni, Massimiliano Muto a 7 anni, Pasquale Palma a 6 anni, Alfio Petralia a 5 anni, Luisa Topo a 5 anni, Gennaro Spatafora 5 anni, Michele di Napoli a 5 anni e Salvatore Napolitano a 5 anni.
Fanno parte del collegio difensivo gli avvocati: Davide De Marco, Luigi Poziello, Achille Golia, Gianluca Giannichedda, Sabina Morgera, Enrico Donatone, Manuela Zuzolo, Antimo d’Alterio ed Emilio Giugliano.
Le indagini furono concluse nel novembre 2014 quando ci fu una vasta operazione della Guardia di Finanza tra Lazio e Campania per catturare Giuseppe Mallardo alias O’ Chiatton, esponente di spicco dell’omonimo clan giuglianese. Oltre 100 militari furono impiegati per tutto il giorno in un’ operazione dedita allo smantellamento di un’organizzazione criminale che frodava le assicurazioni. Le Fiamme Gialle, su indicazione della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, perquisirono oltre 30 abitazioni e notificato vari provvedimenti di obbligo di dimora. La maggior parte dei controlli si concentrarono tra Cassino e la provincia di Frosinone. Alla fine le fiamme gialle sorpresero in un appartamento a Cassino. Giuseppe Mallardo è ritenuto il capo della cupola che gestiva una maxi frode da diversi milioni di euro contro le compagnie assicurative.

Per coloro che furono processati con l’Abbreviato cadde l’associazione a delinquere, tant’è che ci furono una serie di assoluzioni.

Categorie IVASS,News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better